Jo-Bagno.it
×
 x 

prodotti: 0

Bonus Idrico: 1.000 euro per sostituire sanitari e rubinetteriabonus idrico impaginato

Con l’obiettivo di incentivare il risparmio di risorse idriche, la Legge di Bilancio per il 2021 ha istituito un nuovo bonus di 1.000 euro da utilizzare entro il 31 dicembre 2021 per la sostituzione di sanitari bagno e rubinetti con nuovi strumenti a limitazione del flusso d’acqua.Anche Jo Bagno vuole contribuire alla difesa dell’ambiente grazie a soluzioni sanitarie a basso consumo, con la speranza che ne prendano atto anche installatori, progettisti e privati e sensibilizzarli verso sistemi idrosanitari a risparmio idrico beneficiando così l'ambiente.

A chi spetta il BONUS IDRICO?

L’agevolazione spetta alle persone fisiche residenti in Italia ed è riconosciuta, fino ad esaurimento delle risorse, per un importo pari ad euro 1.000 per ciascun beneficiario da utilizzare entro il 31 dicembre 2021 per interventi di sostituzione di:

  • Vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto;
  • Apparecchi di rubinetteria sanitaria, inclusi soffioni doccia e colonne doccia esistenti con nuovi apparecchi a limitazione di flusso d’acqua e risparmi idrico, su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari

Il Bonus Idrico è riconosciuto con riferimento alle spese sostenute per:

  • la fornitura e la posa in opera di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri e relativi sistemi di scarico, compresi le opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti;
  • la fornitura e l’installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina, compresi i dispositivi per il controllo di flusso di acqua con portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto, e di soffioni doccia e colonne doccia con valori di portata di acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto, incluse le eventuali opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti.

La normativa precisa inoltre che il Bonus Idrico:

  • non costituisce reddito imponibile del beneficiario;
  • non rileva ai fini del computo del valore dell’indicatore della situazione economica equivalente.

Dal momento che i fondi stanziati ammontano a euro 20 milioni, il decreto ministeriale dovrà definire gli aspetti operativi e le modalità, anche ai fini del rispetto di tale limite di spesa.

Approfondimento: Agenzia delle Entrate Bonus Idrico 2021

Approfondimentio: Articolo 1, commi da 61 a 65 della legge n. 178/2020 - Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2021 e bilancio pluriennale per il triennio 2021-2023

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Amanti della pulizia e dell’ordine, di una buona organizzazione degli ambienti, ottimizzate la vostra casa avendo degli “angoli” che siano pratici e funzionali.

La lavanderia domestica è uno di questi! Le case delle nostre nonne, ma anche negli anni del 1970, avevano una zona o un angolo, dov’era presente il lavatoio in ceramica, ferro da stiro, lavatrice o asciugatrice e appenderia. Negli anni avvenire, questa particolarità, è stata un pochino dimenticata, usata di meno nelle case, ma che in realtà è rimasto un sogno nel cassetto di molti utenti.

Organizzare l’angolo lavanderia domestica permette di avere una riduzione del lavoro domestico da fare nel quotidiano. Gli spazi sono ottimizzati al millimetro per non dimenticare nulla. Ci sono tanti nuovi elettrodomestici studiati per incastrarsi perfettamente anche in metrature ridotte.

Indubbiamente ci sono delle linee guida da seguire per fare questo progetto. Ricordiamo che non si deve comprare quello che alla fine si sa che non si userà mai, anche per non avere delle immondizie in questo settore.

Allora:come realizzare l’angolo lavanderia domestica? La metratura è sempre la prima preoccupazione.

Sottolineiamo che oggi ci sono molte soluzioni salvaspazio e idee per sfruttare l’altezza piuttosto che la larghezza.

Di certo c’è bisogno di scegliere i giusti elettrodomestici, con dei consumi bassi, ecosostenibili e arredi lavanderia solidi, di buona qualità nei materiali e design semplici, ma funzionali.

Il 2020 si profila come il momento giusto per fare tutti i lavori di restyling degli ambienti domestici, grazie anche alle agevolazioni fiscali in corso,  che li rendano migliorinella vivibilità giornaliera poiché sono stati messi a disposizione grandi quantità economiche di fondi statali ad uso dei privati.

Fino al 20 novembre 2020 ci sono delle detrazioni, ecobonus e agevolazioni del 110, rivolte all’acquisto di nuovi elettrodomestici a basso consumo o con alimentazionead energia ecosostenibile.

Se ci si pensa bene le lavatrici, asciugatrici e i ferri da stiro, sono dispositivi che si usano quotidianamente in casa e sono anche quelli che tendono a consumare di più. Le proposte del mercato per questi nuovi elettrodomestici,che permettono di avere bollette sempre più leggere, sono molte e quindi basta solo guardarsi attorno per valutare quella adatta a noi.

Le lavanderie si possono dividere in:

  • Salvaspazio
  • Versatile
  • Parete

La lavanderia salvaspazio è perfetta per gli appartamenti soprattutto in caso di un bagno di piccole dimensioni. Per realizzarla puntate su elettrodomestici che abbiamo l’apertura frontale. Preferite una lavasciuga, poiché in questo modo avete le funzioni di due elettrodomestici, ma in una sola struttura. Si consiglia di avere dei mobili dove si possa sfruttare lo spazio in altezza. L’asse da stiro a parete, cioè che aderisce al muro quando la si chiude, diventa invisibile ed occupa poco spazio.

Per l’angolo lavanderia versatile si utilizza uno spazio vuoto nel bagno dove si installa un mobile per nascondere la lavatrice e asciugatrice. Inoltre deve si deve posizionare anche qualche pensile o mensola per deporre il bucato appena lavato e stirato.

In caso si ha un appartamento grande o una casa con diversi ambienti dove lo spazio di “spreca”, allora possiamo avere una parete lavanderia. In questo caso saranno disposti tutti gli elettrodomestici utili. La parte per stirare potrebbe essere completa di un’asse da stiro sempre aperta, con dei cassetti sottostanti, e poi angoli appenderia all’esterno, ma anche armadi per avere un maggiore ordine dell’ambiente.

In quale zona della casa realizzare uno spazio lavanderia

Attenendoci alle nuove tendenze del 2020, che ha cambiato sensibilmente la realtà e l’idea di “casa” dopo il lockdown, ci si dirige su ambienti domestici dove: vivere, lavorare, divertirsi, fare sport e rilassarsi. Com’è possibile fare tutto questo? Pensiamo solo agli angoli che ci sono indispensabili per svolgere tutti i lavori domestici, usando delle soluzioni salvaspazio.

Concentrandoci su come realizzare un arredo lavanderia, vogliamo sottolineare che l’ambiente migliore dove progettarlo è il bagno.

La scelta di realizzare l’angolo lavanderia all’interno del proprio bagno permette di avere già un’ambiente dove sono presenti delle condutture idriche e prese elettriche isolate. Le pareti sono complete di maioliche che le proteggono dalla condensa e umidità. Si ha una facilità di movimento maggiore perché non ci sono arredi o ninnoli che possono cadere se urtati.

Per capire perché proprio il bagno è l’ambiente migliore per avere l’angolo lavanderia basta pensare a quando si deve fare il bucato. I capi vanno divisi, si devono poggiare a terra, si tirano fuori dalla lavatrice ancora umidi e spostarli nell’asciugatrice. Ci saranno problemi di gocciolii vari e, come già accennato, anche di condensa.

Il bagno è un’ambiente che viene progettato già avendo bene in mente questi problemi che nascono normalmente anche per l’uso della doccia e sanitari.

Per un bagno piccolo ci sono degli arredi che comprendono un lavatoio a mano, che è sempre utile, ma dove possiamo anche “nascondere” la lavasciuga e utilizzare poi lo spazio areo dove collocate delle mensole o pensili. Questi diventano poi invisibili chiudendo le ante in modo che il bagno rimanga ordinato e bello da vedere.

Se la metratura lo permette, allora non può mancare l’asse da stiro e anche un mobiletto che fungerà come dispensa di detersivi con una parte per poggiare il ferro da stiro.

Perché è utile avere un lavatoio in casa?

Il lavatoio è un arredo che non è solo bello da vedere, grazie ai nuovi design e ceramiche che regalano la sensazione di rustico e tradizionale, ma perché lo si può usare per diversi impieghi.

Un lavatoio in ceramica arricchisce l’angolo lavanderia, rendendolo unico e piacevole nell’utilizzo.

Oggigiorno si è più pigri rispetto al passato per le faccende domestiche e in modo particolare per quanto riguarda il lavaggio a mano dei capi di abbigliamento. Abbiamo meno tempo e occupiamo la giornata in diversi modi puntando molto sull’aiuto degli elettrodomestici. Solo che quest’ultimi tendono comunque a consumare energia elettrica ed idrica. Inoltre, se si hanno pochi capi da lavare, è uno spreco utilizzare la lavatrice.

Nel 2019 si è riscoperto il lavatoio come soluzione ecosostenibile, per la tutela dei tessuti che sono delicati e anche per ridurre l’uso delle lavatrici. Per gli amanti della natura è sicuramente una soluzione che tutte le case dovrebbero avere. Mentre per coloro che sono attenti ai consumi si parla di un arredo che effettivamente fa risparmiare.Infine, gli utenti che amano una bellezza vintage, tradizionale o di tendenza, il mobile lavatoio rappresenta un’occasione di arredo da non farsi sfuggire.

Una piccola curiosità che riguarda questo arredo di casa riguarda l’attività fisica. Usare il lavatoio in casa per 60 minuti, adoperandosi nel lavaggio del bucato, equivale a circa 150 minuti passati in palestra, quindi ci tiene anche in forma.

Ovviamente non è questa il “punto” centrale della sua importanza perché in realtà si tratta di una soluzione ideale che permette di lavare indumenti che indossiamo per poche ore, che si usano per fare sport, ma anche per non danneggiare dei tessuti delicati.

Oggi che si ha la possibilità di comprare tanti capi che sono a base di fibre naturali ed è opportuno comprendere quali sono le azioni da compiere per proteggerli.

Sintetizzando il perché è utile avere un lavatoio in casa, va detto che oggi ci sono anche dei lavatoi ibridi che uniscono la funzione del lavabo alla lavanderia. Questo crea anche diversi design della ceramica che permette dia vere dei bagni molto belli, eleganti e raffinati.

Inoltre non è detto che si deve avere un lavatoio in casa o nel bagno, lo possiamo anche collocare su una piccola terrazza o balconcino esterno, in modo da utilizzarlo anche in estate.

Una vasta gamma di prodotti dedicati alla lavanderia sarà possibile visionarli nella sezione dedicata all'arredo lavanderia nel nostro sito web, oppure anche presso la nostra esposizione di arredo bagno a Civita Castellana.

Anche per il 2020 è a disposizione il Bonus Mobili con detrazione Irpef al 50%

Anche nel 2020 si può usufruire della detrazione Irpef del 50%, per l'acquisto di mobili, anche mobili del bagno e di grandi elettrodomestici (di classe alla A+ o superiore), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. L'agevolazione spetta anche per gli acquisti effettuati nel 2020 ma solo se l' intervento di ristrutturazione edilizia è iniziato a partire dal 1° gennaio 2019.

Quindi chi vuole usufruire di una detrazione pari al 50% (su una spesa massima di 10.000 euro) può continuare a farlo, grazie a queste agevolazioni.

Ovviamente per usufruire di tale agevolazione  è necessario che la data di inizio lavori sia anteriore a quella sostenuta  per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici.

La data di inizio lavori  potrà essere provata:
    •    dalle eventuali abilitazioni amministrative o comunicazioni richieste dalle norme edilizie,
    •    dalla comunicazione preventiva all’Asl (indicante la data di inizio dei lavori), se prevista,
    •    qualora non siano obbligatori i documenti nei 2 punti precedenti, da una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (articolo 47 del Dpr 445/2000), come prescritto dal provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 2 novembre 2011. Approfondimento Bonus Mobili

Cosa prevede la Legge di Stabilità?

Il termine ultimo per usufruire della validità del bonus mobili ed elettrodomestici è fissato per il momento al 31 dicembre 2020.
Il provvedimento permette, a coloro che effettuano dei lavori di ristrutturazione nelle abitazioni o che acquistano dei nuovi mobili o degli elettrodomestici, di avere a disposizione uno sconto IRPEF che corrisponde al 50% della spesa (entro i 10.000 €)
Le detrazioni possono essere ottenute dalla dichiarazione dei redditi effettuata attraverso il modello Unico o il 730. Sono diverse quindi le possibilità per apportare dei miglioramenti all’interno della propria abitazione, in cucina, in salotto, in camera da letto o anche nella stanza da bagno.

A chi spetta il bonus mobili 2020

bonus mobili 2020Ricordiamo innanzitutto che il bonus vale anche per i grandi elettrodomestici e per gli arredi ad incasso. Possono usufruire della detrazione del 50% i contribuenti che risultano essere proprietari di un immobile, usufruttuari, affittuari o in comodato d’uso. Possono accedere al bonus 2020 anche i soci di cooperative, le società o le imprese familiari e gli imprenditori individuali.
In tutti i casi l'immobile non deve essere destinato a bene strumentale.

Quali sono i requisiti per avere a disposizione le detrazioni

I requisiti per usufruire delle detrazioni fiscali per l’anno 2020 si riferiscono in particolare ad alcune tipologie di interventi previste dalla legge. Nello specifico, parlando del bonus elettrodomestici, quest’ultimo può essere utilizzato esclusivamente se vengono acquistati apparecchi con classe energetica A+ o superiore e che abbiano un’apposita etichetta energetica.
Il bonus può essere richiesto da coloro che sono soggetti all’Irpef e che hanno una residenza in Italia o all’estero.

Possono fare la richiesta per le detrazioni del 50% relative al bonus mobili ed elettrodomestici anche coloro che sono titolari di società che abbiano un reddito relativo alla tassazione Ires.
Possono usufruire del bonus in questione anche le persone che hanno a disposizione un compromesso oppure un contratto preliminare, purché questo sia registrato in modo regolare.

Il bonus mobili ed elettrodomestici può essere richiesto anche dal coniuge o dai parenti entro il terzo grado oppure dagli affini entro il secondo grado, se vivono nella stessa abitazione del proprietario.
Secondo la legge possono accedere alle agevolazioni previste dalla proroga della Legge di Stabilità 2020 anche coloro che vivono nello stesso immobile di chi ha il diritto sulla proprietà che è oggetto del bonus.
Ricordiamo che l’inizio ufficiale dei lavori di ristrutturazione deve essere provato attraverso un’apposita documentazione, come la Scia, Dia, Cila o Cil. In alternativa, quando non è prevista tale documentazione (edilizia libera),  è sufficiente  presentare un’autocertificazione che attesti la data di inizio degli interventi.

Si tratta di un intervento legislativo molto importante, infatti, secondo le stime delle associazioni di categoria, fino ad oggi questa operazione avrebbe portato lavoro a più di 10.000 persone che operano nel settore.


Per informazioni ufficiali e approfondite suggeriamo di fare riferimento al sito dell’Agenzia delle Entrate: https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/web/guest/schede/agevolazioni/detrristredil36/bonus-mobili-detrristredil36

Salva

Civita Castellana " Toccare con mano prima di comprare”, questa è la motivazione che ha spinto la Jo-Bagno.it, leader da 10 anni nel settore delle vendite on-line degli arredo bagno e sanitari in ceramica, ad aprire il suo showroom di arredo bagno con un ampia esposizioni di mobili bagno e ceramiche.

Una risposta ad un unico problema che spesso coinvolge gli utenti.

Quante volte ci si chiede la qualità, il materiale e anche la sensazione al tatto, di un arredo bagno che avete visto solo in fotografia?

Facilmente ci si innamora di un bagno che sia elegante e raffinato oppure comodo e pratico visto su un sito. Innegabile che ci sono dei design che affascinano, ma poi comprarli senza poterli toccarli rende sempre molto scettici.

Ecco perché lo showroom della Jo-Bagno propone un’idea innovativa per la vendita online, vale a dire:

  • Visitare
  • Toccare e valutare la qualità dei prodotti
  • Acquistare
  • Ritirare in sede il prodotto acquistato on line

Lo showroom è presso gli uffici della Jo-Bagno.it a Civita Castellana, a pochi passi di Roma, parliamo di appena 30 minuti di automobile.

sala mostra arredo bagnoUn appuntamento immancabile per famiglie, giovani coppie, per unrestyling del proprio bagno e per scoprire le nuove tendenze in questo settore. Infatti la Jo-Bagno è costantemente all’interno delle aziende del comprensorio delle ceramiche di Civita Castellana in modo da conoscere tutte le novità in tempo reale.

Ciò gli consente di essere sempre un passo avanti ai suoi competitor, ma anche ad avere una disponibilità immediata dei nuovi prodotti oltre ad avere grandi quantità di merci da vendere.

Indubbiamente Civita Castellana è rinomata per la produzione delle sue ceramiche. Una “tradizione” che negli anni ha permesso di far nascere e crescere tante aziende artigianali.
L’avvento della creazione degli e-commerce ha spaventato molti commercianti. La comodità proposta dall’acquisto su internet.

La realtà scoperta da tanti utenti durante il lockdown, vale a dire avere dei prodotti recapitati direttamente presso il proprio domicilio senza uscire di casa. I vantaggi sono tanti.
Tuttavia, la vendita e spedizione in nternet, è stata un’ardua sfida per quanto riguarda le merci ingombranti, ma è una sfida vinta dalla Jo-bagno. In che modo?

Ebbene la Jo-bagno ha un suo sito web, ma è presente anche su Amazon e Ebay. Predilige le spedizioni veloci, in modo che il cliente abbia i prodotti acquistati il più presto possibile, ma con una grande attenzione per gli imballi anti-urto.
I metodi di pagamento sono molti, come il bonifico bancario o la carta di credito. Solo che,altra innovazione che aiuta i clienti a fidarsi della professionalità della Jo-Bagno, è quella di poter pagare alla consegna.

Inoltre questo marchio, ha la possibilità di spedire dei prodotti che sono stati realizzati il giorno dopo che sonousciti dal ciclo di produzione. Un utente potrebbe essere il primo in Italia ad avere un nuovo modello di lavandino o di arredo bagno che sarà il protagonista di tanti designnei prossimi mesi.
L’appuntamento con l’apertura dello showroomè imperdibile. In questa sede è permesso ordinare online e ritirare direttamente i prodotti al suo interno, utile per coloro che vivono nella città di Roma, nella provincia di Viterbo, Terni e Rieti. 

Altra occasione imperdibile, in questo 2020, è quello di poter accedere anche alle detrazioni fiscali, ecobonus eincentivi vari che sono messe a disposizione dallo Stato. Gli acquisti si possono eseguire avendo accesso alle principali agevolazioni fiscali attualmente in corso.

Questo è il momento di ricominciare e magari di rendere più comodo e vivibile la vostra casa, partendo dal bagno che è sempre uno degli ambienti più usati durante la giornata.
La Jo-Bagno effettua anche degli sconti su misura per acquisti multipli che vanno sommati ad eventuali detrazioni.
A questo punto vogliamo chiedere: volete rinunciare a degli sconti che possono raggiungere o superare il 70%?

Arredi bagno innovativi, nuove ceramiche che impreziosiscono la bellezza di questo ambiente e designdi tendenza, che sono poi uniti a praticità di utilizzo, ecco cosa rappresenta lo showroom della Jo-Bagno.it

Qui le risposte alle domande più frequenti poste dai nostri clienti sugli ordini e sull'attuale situazione Covid-19 in Italia.

Tutti gli articoli su Jo-Bagno.it sono disponibili?

La maggior parte degli articoli presenti nel nostro sito sono disponibili nel nostro magazzino quindi in pronta lavorazione.
Una parte dei prodotti sono presso i magazzini delle nostre aziende produttrici nella nostra stessa cittadina. Tali aziende attualmente hanno chiuso la produzione e l'accesso ai loro magazzini.
Pertanto alcuni ordini in corso sono nello stato di Stand-by.

Posso ordinare su Jo-Bagno.it? Siete operativi?

Certamente, puoi continuare a ordinare in tutta tranquillità su Jo-Bagno.it
Grazie allo smart-working, continuiamo a rispondere alle mail, alle telefonate e a ogni tua richiesta.
La nostra logistica è operativa, nel pieno rispetto di tutte le norme di sicurezza. Le spedizioni sono però al rilento in quanto c'è sempre un controllo della destinazione e sul volume dell'ordine.

La merce viaggia regolarmente?

Sì, la merce viaggia regolarmente anche se i nostri corrieri hanno attuato delle limitazioni di peso e volume per determinate zone per facilitare la consegna di farmaci e generi alimenti.

I corrieri consegnano la merce?

I corrieri continuano a lavorare e a consegnare regolarmente su tutto il territorio nazionale, fatta eccezione per le alcune province (in aggiornamento quotidiano). Se hai ordinato da uno dei CAP dove i corrieri sono impossibilitati a consegnare, sarà cura del nostro servizio clienti contattarti.

Quali sono i tempi di spedizione?

I tempi di spedizione rispetto a quelli reali indicati sul sito potranno subire delle variazioni.
E' buona norma chiedere al nostro servizio clienti la tempistica di lavorazione e spedizione certa dell'ordine per verificare le disponibilità nei nostri magazzini.

È sicuro ricevere la merce?

Il Ministero della Salute e l'OMS hanno confermato che ricevere pacchi è sicuro e non comporta rischi.